Le dieci regole per combattere un intestino pigro!

Ecco dieci semplici regole per combattere l’intestino pigro:

  1. Al mattino, appena svegli e a digiuno, bevete un bicchiere di acqua tiepida.
  2. Ricordatevi di idratarvi: bevete almeno 1,5-2 litri di acqua durante l’intera giornata (non solo ai pasti).
  3. Muovetevi! Fate regolare attività fisica! E dopo aver mangiato camminate una decina di minuti, potrebbe aiutarvi.
  4. Aumentate il consumo di fibra (1): consumate le 5 porzioni fra frutta e verdura consigliate dalla piramide alimentare. Ricordatevi di mangiare la frutta con la buccia (ben lavata) e che i succhi di frutta non sostituiscono la frutta anche perchè manca la fibra. Anche i legumi sono un’ottima fonte di fibra. Ricordatevi che tutti questi alimenti, se il loro consumo aumenta improvvisamente, possono inizialmente e momentaneamente recarvi problemi di meteorismo e gonfiore.
  5. Aumentate il consumo di fibra (2): sostituite il pane, la pasta, i cereali ed i biscotti classici con i corrispettivi integrali.
  6. Limitate il consumo di alcolici e caffeina.
  7. Mangiate ad orari regolare e lentamente: mangiare veloce fa incamerare più aria che può peggiorare il disturbo portando gonfiore e meteorismo.
  8. Non saltate mai i pasti e assumete le giuste calorie in relazione al vostro fabbisogno. Se mangiate troppo poco, se eliminate totalmente i grassi (soprattutto l’olio) è normale che la mobilità del vostro intestino sia rallentata!
  9. Educate il vostro corpo ad avere un orario regolare per l’utilizzo della toilette ed il tempo necessario.
  10. Non prendete lassativi previo consulto medico. In ogni caso sarebbe meglio prima intervenire con integratori di fibre insolubili (es. crusca) o solubili (es. psillium).

res691198_fit_530x344_0MC2333x0x9074x6625x2
N.B. Si parla di STIPSI quando il numero di evacuazioni è minore di 3 volte alla settimana (quindi non è necessario andare in bagno per forza 1 volta al giorno!), se c’è uno sforzo eccessivo durante le evacuazioni, se le feci sono dure o caprine e se abbiamo una sensazione di evacuazione incompleta.


Nota: i consigli dietetici forniti sono puramente indicativi e possono richiedere adattamenti da parte del Medico sulla base della situazione clinica individuale. Prima di procedere a cambiamenti di dieta è bene rivolgersi al proprio medico curante.